60 sogni di Barbie, un sogno in Lis

In occasione dei suoi 60 anni la bambola più famosa del mondo parla direttamente alle bambine, in un grande volume illustrato che raccoglie 60 storie di donne che con coraggio, tenacia e creatività sono riuscite a realizzare i propri sogni. L’obiettivo è di ispirare le donne di domani, scovare e valorizzare il loro potenziale, senza limiti di immaginazione, ed è quello che Barbie fa da anni: ispirare le future generazioni, mostrandogli che non esistono limiti all’immaginazione. Dalla Barbie astronauta alla pittrice, dalla chef alla veterinaria, dalla skater alla ballerina: le possibilità sono infinite!

“60 sogni di Barbie”, parla alle bambine  di modelli reali, di donne straordinarie che hanno inseguito i propri sogni e hanno fatto strada nel mondo.  Gabriella Bensa, l’autrice, ha raccolto per l’occasione le vite di sessanta ragazze italiane straordinarie, estrose e molto, molto determinate dal mondo creativo di Alberta Ferretti, alla forza di volontà di Bebe Vio, dalla vocazione del medico di guerra Chiara Castellani al coraggio della prima aviatrice Fiorenza De Bernardi

Se sembra impossibile allora si può fare

 

Un sogno di Barbie

Per questi 60 anni Barbie viene rappresentata in tanti e diversi modi, con l’idea di dare ad ogni bambina e ad ogni bambino una possibilità di identificarsi. Troppo spesso giochi e personaggi incarnano un modello di bambina, ragazza o donna “troppo ideali” o comunque sempre “normali” o “normodotati“. Ci siamo sempre chiesti come i nostri ragazzi vedessero questi giochi, come facessero ad identificarsi, perché i personaggi, i cartoni, i supereroi servono a questo, a dare un modello. 

Un giorno una bambina sorda mentre giocava con la sua bambola si è tolta la protesi, l’ha poggiata sul suo orecchi e ha iniziato a segnare con lei.

Immagino la Mattel dall’altra parte del mondo con un enorme binocolo ad assistere a questa scena, e il giorno dopo a progettare una Barbie speciale, sorda e segnante e poi ancora una Barbie sulla sedia a rotelle, e così via, fino a dar vita alle infinite sfaccettature dell’essere umano. 

Non più solo una Barbie bianca, bionda e normodotata, ma una Barbie che rappresenta tutta la bellezza della diversità che ci circonda. 

 

 

Puoi essere tutto ciò che desideri

Un sogno realizzato

In questo bellissimo libro ci siamo anche noi, c’è la nostra responsabile, la dott.ssa Valentina Colozza che racconta come il sogno di usare la Lingua dei Segni insieme ai bambini che non parlano si sia trasformata in realtà. 

Io Se Posso Komunico nasce così, da ipotesi, desideri e idee che si sono incontrate. Ma prima di tutto nasce e si alimenta grazie al sogno quotidiano di dare uno strumento di comunicazione a tutti i bambini e gli adolescenti che non riescono o non possono parlare. La nostra storia è su questo libro per stimolare le giovani e i giovani udenti ma anche sordi a pensare ed immaginarsi in qualsiasi modo vogliano.

Per chi volesse ordinare il libro https://www.giunti.it/catalogo/60-sogni-di-barbie-9788809883840

Per approfondire il nostro progetto clicca qui

 

Leave Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *